A differenza del passato, oggi si tende a privilegiare uno stile reportagistico per il proprio reportage matrimoniale. Anziché realizzare fotografie rigide e costruite, che - secondo la mia opinione - potrebbero essere scattate in qualsiasi giorno dell'anno, gli sposi desiderano ricordare le proprie nozze per ciò che realmente sono state, ripercorrendo e rivivendo, grazie all'album matrimoniale, la pienezza e la forza delle emozioni di quel giorno.

Un fotografo di matrimonio esperto e capace, operando come un vero e proprio fotogiornalista, saprà cogliere il momento, coniugando la naturalezza delle vostre emozioni con un impatto stilistico ricercato e suggestivo.

Ma come fare per essere realmente a proprio agio davanti alla fotocamera? Come possono gli sposi dimenticare di essere oggetto dell'occhio del fotografo e riuscire ad esprimere con calore e spensieratezza i propri stati d'animo?

Certamente un buon fotografo professionista saprà scattare senza far pesare la propria presenza, muovendosi "nell'ombra", con discrezione e prontezza, riuscendo sempre a trarre il massimo da ogni contesto. Tuttavia, con questo post, mi fa piacere offrire agli sposi tre consigli su come essere maggiormente a proprio agio in presenza di colui che chiameranno a fotografare le proprie nozze.

  1. Prendete confidenza col vostro fotografo prima del giorno del matrimonio.

    E' consigliabile incontrare il proprio fotografo più volte prima del grande giorno. Per quanto riguarda il mio metodo, tra il primo incontro e la pianificazione degli orari, mi vedo con i miei sposi ogni due o tre volte prima di fotografarla, dedicando loro il tempo che meritano. Se la coppia si trova lontana dal mio studio, l'incontro avviene su Skype; è davvero un eccellente modo per entrare in confidenza. Mi piace conoscere la loro storia e i loro caratteri. Fornisco tutte le informazioni di cui necessitano, illustrando ogni possibilità e mettendo a loro disposizione la mia esperienza di professionista. Conversare è un ottimo mezzo per maturare una base di reciproca conoscenza e permette alla coppia di comprendere che ciò che interessa ad un vero professionista non è "vendere un matrimonio" ma creare ricordi fotografici speciali, in grado di racchiudere e tramandare le emozioni delle loro nozze. Maturare una tale consapevolezza, permette ai futuri marito e moglie di "sentirsi in buone mani" e vedere quella del proprio fotografo come una presenza rassicurante. Realizzare un servizio di fidanzamento prima della data del matrimonio rappresenta un modo di approfondire ulteriormente la conoscenza del professionista, abituandosi "in concreto" ad una non-invasività che - al netto della bravura e della discrezione del fotografo - è tale solo se l'atteggiamento psicologico e la rilassatezza degli sposi lo permette.

  2. Scegliete un contesto e una location che rispecchi i desideri della coppia.

    E' fondamentale che il luogo scelto per il ricevimento, per le fotografie di coppia e per la festa post taglio torta soddisfi sia i modi di essere di lei che quelli di lui. Ritrovarsi in un ambiente percepito come familiare o comunque non estraneo rispetto a ciò che si è o che si desidera, permetterà di sentirsi liberi di interagire con spontaneità sia col partner che con coloro che sono stati chiamati a condividere i festeggiamenti. "Sportivi" e festaioli piuttosto che sobri e raffinati, ciò che conta è scegliere il contesto adatto per poter festeggiare con disinvoltura e naturalezza, secondo i propri gusti, senza sentirsi limitati o snaturarsi.

  3. Fate il pieno di meravigliosi amici!

    Sono l'anima della festa, ma anche una presenza rassicurante durante i preparativi e prima della cerimonia. Circondarsi di amici realmente significativi permette agli sposi di percepire calore, sicurezza e, anche se un po' di emozione nel giorno del matrimonio è sempre presente - ed è bellissimo che sia così - un tocco di spensieratezza. Giochi, scherzi, conversazioni animate, caratterizzate da simpatia o tenerezza, creano intorno ai protagonisti della giornata quella magica bolla di sicurezza e familiarità che permette loro di esprimersi con naturalezza, offrendo, inoltre, la possibilità di riprendere fotograficamente molti bei momenti, tutti significativi. Non è rilevante che ci siano due amici piuttosto che cento. L'importante è che siano persone che per voi contano davvero e con cui desiderate condividere momenti così importanti.

Ovviamente, questi tre punti rappresentano solo alcuni fra i tanti piccoli suggerimenti per possono permettere alla coppia di vivere il proprio matrimonio con naturalezza, in modo da risultare tranquilli e spontanei dinanzi a fotografi e videomaker. Di certo, tutti questi suggerimenti hanno un denominatore comune: sentire intorno a sé un ambiente famigliare, che permetta di vivere le proprie emozioni senza remore o grattacapi.

 

 

error: Content is protected !!